Archivi categoria: Maltrattamento animali

WWF Bergamo Brescia contro la caccia alla volpe: “Pratica nociva non giustificata dall’etica e dalla scienza”

Il WWF torna a contestare efferate, ingiustificate e dannose operazioni di abbattimento di volpi che si ripetono sul territorio nazionale in Toscana dove il TAR, solo un mese, ne ha annullato l’autorizzazione all’abbattimento (Sentenza n. 739/2017)

Con analoghe motivazioni, da questo mese l’UTR di Brescia ha autorizzato un controllo della volpe nell’ATC Unico Bresciano, anche con metodi crudeli come l’abbattimento in tana.

E’ inaccettabile che si consentano abbattimenti in tana, una pratica ingiustificata dal punto di vista scientifico, inaccettabile dal punto di vista etico, dannosa per la specie oggetto di prelievo sia per l’ingiustificata efferatezza dell’operazione, sia perché le operazioni stesse arrecherebbero grave disturbo anche ad altre specie di fauna selvatica nel periodo riproduttivo e di svezzamento dei piccoli.

Ciò è solo una delle tante aberrazioni causate da una gestione del territorio quasi unicamente focalizzata sugli interessi dei cacciatori e ben poco orientata al mantenimento equilibrato dell’ecosistema, introducendo forzature incomprensibili, abusi e storture i cui risultati sono pagati da tutti i cittadini.

Il parere di ISPRA in merito – non condivisibile nel considerare la caccia in tana come metodo di controllo – è subordinato ad una serie di azioni che sono state preventivamente disattese una per tutte efficaci censimenti verificati dalla Polizia provinciale (i dati forniti senza verifiche provengono solo dal mondo venatorio).

Inoltre è disattesa la richiesta di ISPRA che non vi siano delle immissioni di selvaggina sul territorio che ovviamente ne favorisce la riproduzione.

Ricordando che la volpe ha tra le sue prede preferite topi e ratti ma si sono accertate anche predazioni nei confronti della nutria e in generale su animali debilitati di varie specie; la volpe è legata ad un territorio sulla base della disponibilità di cibo e cosi la sua efficacia di riproduzione.

Abbandoni di rifiuti organici o una gestione del territorio che non ne consideri la sua presenza può alterarne il suo equilibrio in rapporto con le altre specie.

Ricordiamo che è una specie cacciabile in autunno/inverno e solo in tale periodo è giustificato anche un controllo straordinario previa verifica della sua consistenza tramite censimenti puntuali e verificabili senza i quali non ci sono considerazioni scientifiche in grado di giustificare piani di controllo straordinari.

Da anni in realtà queste operazioni sono sostenute solo per la mal posta convinzione del mondo della caccia di riuscire in questo modo a tutelare alcune specie di interesse venatorio (in particolare lepre e fagiano) sottraendo invece un naturale predatore all’ambiente ed anzi aumentandone la dispersione.

Il WWF non ritiene accettabili questi abusi delle attività di controllo, i cui scopi non perseguono il riequilibrio degli ecosistemi naturali, come la normativa indicherebbe fra i principi giustificanti gli interventi, ma sono volti a favorire indirettamente, e soprattutto l’espandersi di popolazioni di noto interesse venatorio, o comunque di specie artificialmente reinserite in natura.

Infatti proseguono senza limiti le immissioni di selvaggina pronta caccia senza le quali l’attività venatoria stessa non avrebbe possibilità di sopravvivenza.

Per tutto questo l’Associazione WWF Bergamo Brescia Onlus chiede alla Regione Lombardia congiuntamente a tutte le altre Associazioni, l’immediato annullamento dell’attuale piano di abbattimenti fuori periodo della specie volpe nel territorio bresciano e di tutti i provvedimenti connessi.

Associazione WWF Bergamo Brescia Onlus

Il Presidente

Danio Rossi

Scarica il comunicato stampa in formato PDF

Condannato a Bergamo ‘serial killer dei gatti’, 3 anni e 6 mesi

Li torturava e uccideva. Enpa, condanna pesante e importante

E’ stato condannato oggi in tribunale a Bergamo a 3 anni e 6 mesi un uomo di 43 anni, di Trescore Balneario, accusato di maltrattamento e uccisione di animali, in particolare gatti, e per questo ribattezzato ‘killer dei gatti’. Il giudice ha stabilito anche che al termine della pena l’uomo resti in libertà vigilata per due anni. Il pm aveva chiesto un anno e quattro mesi di reclusione. La sentenza di primo grado arriva al termine di un lungo processo. L’uomo aveva contattato alcune donne che avevano pubblicato su internet l’annuncio di vendita di alcuni gattini. Dopo averli ricevuti, li avrebbe torturati e uccisi, postando poi le fotografie delle torture attraverso WhatsApp. L’uomo era già stato condannato lo scorso dicembre a 2 anni per stalking.

“Nel corso del procedimento – dichiara Claudia Ricci, avvocato dell’Enpa (Ente nazionale protezione animali), che si era costituito parte civile – abbiamo messo in risalto con la dovuta evidenza, anche grazie alla documentazione prodotta insieme all’associazione Link Italia, l’estrema pericolosità sociale dell’imputato. Attendiamo che siano rese note le motivazioni per sapere se il giudice ha accolto la nostra tesi. Certo è, comunque, che si tratta di una delle condanne più severe mai inflitte nel nostro Paese per il reato di maltrattamento e uccisione di animali”. “Da Bergamo oggi viene lanciato un segnale importantissimo – aggiunge la presidente nazionale di Enpa, Carla Rocchi – e sono convinta che questa sentenza ha tutte le che carte in regola per fare giurisprudenza. Dall’entità della pena inflitta al “killer dei gatti” mi sembra vi sia finalmente una piena valutazione della reale portata e gravità dei delitti da lui commessi. Mi auguro che si inneschi un “effetto domino” che coinvolga tutti gli altri procedimenti giudiziari che abbiano ad oggetto reati in danno agli animali, a partire dal caso del cane Angelo”. Soddisfazione esprime anche l’Enpa di Bergamo, che, con il commissario straordinario Mirella Bridda, ha seguito passo dopo passo l’intera vicenda, anche prima che l’imputato venisse rinviato a giudizio. “La severità della condanna – conclude Bridda – è un fatto estremamente positivo, ma questo non può cancellare il dolore e l’amarezza che noi tutti proviamo a causa delle terribili sevizie inflitte agli animali. Penso che sia finalmente giunto il momento di prevedere un inasprimento delle pene per i reati in danno agli animali”. In caso di appello, l’Enpa annuncia che sarà presente anche in questa sede.

Fonte ANSA